N.O.E.

N.O.E.2021-04-22T11:24:49+02:00

N.O.E.

New olive oil  extraction

Descrizione delle innovazioni attese con la realizzazione del progetto

Lo sviluppo di tecniche estrattive dell’olio extravergine di oliva e il raggiungimento di prodotti sempre migliori da un punto di vista qualitativo, è oggi una delle esigenze più sentite dalle aziende produttrici e dagli addetti del settore, soprattutto quelli che lavorano prodotti di qualità e hanno importanti vincoli produttivi e ambientali.

Italprogetti SpA, azienda leader per la fornitura di filtropressa per il settore oleario e capofila del partenariato del progetto NOE, in collaborazione con i due organismi di ricerca Dipartimento di Scienze agrarie, alimentari e agro-ambientali (DISAAA-a) e Consorzio Polo Tecnologico Magona (CPTM), intende mettere sul mercato una linea di impianti di produzione di olio EVO che introduca una serie di innovazioni sia di processo che tecnologiche in grado di migliorare il prodotto finale dal punto di vista nutraceutico ed organolettico, nonché di incrementare la resa di estrazione e la conservabilità.



Dati preliminari a supporto dell’idea progettuale

Per realizzare quanto proposto, si impiegherà una tecnologia estrattiva innovativa che prevede l’addizione di un criogeno (es: anidride carbonica solida) alle olive in fase di gramolatura. Questa innovazione ha un duplice scopo, in quanto porterebbe a un incremento sia della resa in olio che della qualità del prodotto finito. Infatti, da una parte, essa mira a provocare un parziale congelamento dell’acqua intracellulare presente nelle drupe e determinare la rottura delle membrane dei vacuoli contenenti l’olio, che viene così più facilmente estratto insieme ad altri componenti cellulari (fenoli, tocoferoli, sostanze odorose, ecc.) fondamentali per la qualità dell’olio prodotto.

Un’ulteriore innovazione del processo riguarderà la fase di separazione del mosto oleoso dalle sanse, che sarà condotta non più con una centrifuga-decanter, ma con un filtropressa, consentendo di massimizzare le rese, ottimizzare la qualità dell’estratto (acqua eventualmente residua nell’olio) e ridurre sensibilmente il contatto tra l’olio e l’ossigeno atmosferico.

Principali obiettivi del progetto

Le principali innovazioni che si intende introdurre sono:

  • addizione di un criogeno in fase di gramolatura;
  • sostituzione della centrifuga decanter con filtropressa con atmosfera inerte per la separazione del mosto oleoso dalle sanse;
  • confezionamento dell’olio in atmosfera modificata;
  • sistema di monitoraggio e controllo delle fasi del processo tramite sensori innovativi e videocamere interfacciate ad un software di elaborazione immagini appositamente sviluppato, ed interfacciamento con il sistema di gestione dell’impianto, coerentemente con gli indirizzi della Strategia Industria 4.0.



Contatta CPTM



    Torna in cima